GIU’ LE MANI DAL FONDO TRASPORTI MOBILITIAMOCI


Carissime/i,
come noto, il rischio di un taglio di 300 milioni di euro al Fondo nazionale trasporti genererebbe gravissimi problemi al settore del Trasporto Pubblico Locale.

Le Segreterie Nazionali di Filt Cgil, Fit Cisl, UilTrasporti, Faisa Cisal e Ugl FNA, aprendo di fatto una fase di mobilitazione, hanno programmato per il prossimo 16 maggio alle ore 10.30, un presidio davanti al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, al fine di ottenere l’apertura di un tavolodi confronto, con il Ministro stesso per affrontare tutte le altre problematiche che stanno coinvolgendo il settore partendo proprio dal tema delle risorse.

Saranno comunicate in seguito le relative informazioni organizzative in merito alla partecipazione al presidio.

Si trasmette in allegato il comunicato unitario in oggetto, al quale Vi preghiamo dare massima diffusione in tutti i luoghi di lavoro.

Un caro saluto.

Schermata 2019-05-02 alle 21.23.21.png

Schermata 2019-05-02 alle 21.28.34.png

 

GIU’ LE MANI DAL FONDO TRASPORTI MOBILITIAMOCI

 

Presidio il16 maggio 2019 ore 10.30 MINISTERO dei TRASPORTI

 

Per chiedere l’apertura di un tavolo di confronto, da parte del Ministro per una discussione su tutte le problematiche che stanno impattando negativamente nel Trasporto pubblico locale.
Le lavoratrici i lavoratori e le Organizzazioni Sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, UilTrasporti, Faisa Cisal e Ugl FNA sono preoccupati del paventato taglio di 300 milioni di euro al fondo nazionale del trasporto pubblico locale.

I continui annunci del Governo sull’ l’impegno di sviluppare il trasporto pendolari, va in contraddizione con la riduzione delle risorse destinate ad esso.
Infatti, risulta complicato aumentare la qualità e la quantità di trasporto, in un settore ove la sostanziale riduzione dei finanziamenti si è ripetuta negli anni fino ad arrivare alla Legge di Bilancio 2019, che ha previsto all’articolo 1, comma 1118, un ulteriore taglio di 300 milioni di euro. Tra l’altro, questo ulteriore taglio sarebbe concentrato negli ultimi quattro mesi dell’anno in corso, avendo un impatto sui servizi almeno triplicato. Un taglio di queste proporzioni al Fondo Nazionale Trasporti avrebbe un effetto dirompente per la tenuta del sistema con gravi conseguenze nell’ambito dei servizi al cittadino con enormi problemi occupazionali nel settore. Tale rilevantissima problematica si andrebbe ad innestare in un quadro finanziario già drammatico anche a causa del taglio delle risorse destinate al finanziamento degli oneri per le indennità di malattia dei dipendenti delle Aziende di Tpl.

Occorre stabilizzare il Fondo Nazionale Trasporti garantendo le risorse necessarie e collegandole all’indice inflattivo programmato di settore, anziché continuare ad apportare tagli.

Insieme alle lavoratrici/lavoratori e ai cittadini metteremo in campo tutte le azioni necessarie a difendere il servizio di trasporto pubblico locale.

IL TPL VA SOSTENUTO E NON DEMOLITO!!!!

 

29 aprile 2019

le Segreterie N azionali

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...