Incontro con Fit-Cisl sul trasporto pubblico: riconoscimento della nuova mansione di bigliettazione a bordo e gestione dei parcheggi a Trentino Trasporti


Schermata 2017-11-23 alle 19.50.55.png

Incontro con Fit-Cisl sul trasporto pubblico: riconoscimento della nuova mansione di bigliettazione a bordo e gestione dei parcheggi a Trentino Trasporti Infine, la Commissione ha incontrato i vertici di Fit-Cisl sul tema del trasporto pubblico in Trentino in presenza del dirigente del servizio trasporti della Pat Roberto Andreatta. Sono stati ascoltati il segretario Massimo Mazzurana, Michele Fedel e Moscon Andrea, componenti del direttivo Cisl e Mario Forni per il direttivo Fit-Cisl. La delegazione ha evidenziato in premessa la conflittualità derivante dal mancato coinvolgimento della FIT-Cisl nelle scelte aziendali. Sono poi state evidenziate diverse questioni: in primo luogo i maggiori costi fissi annui di circa 500.000 euro imputabili al trasferimento del servizio urbano di Trento da via Marconi a Via Innsbruck. Accanto a questi il tema dell’evasione tariffaria, che ammonta a circa 2 milioni di euro l’anno (da dichiarazioni dell’assessorato ai trasporti, cifra ad avviso di Fit-Cisl sottostimata), e la mansione dell’autista che si ritrova a svolgere, accanto alle funzioni di guida, anche il controllo dei titoli di viaggio, con un incremento degli introiti aziendali calcolabili in circa 2 milioni di euro. Su questo punto, “il nostro è un cammino coerente condiviso con il dirigente Andreatta e l’assessore Gilmozzi”, ha aggiunto Moscon: la bigliettazione a bordo era per noi anche una questione etica perché l’evasione è via via passata dal 2,49 al 16. Questo non sarebbe un ruolo del sindacato, ma abbiamo comunque voluto dare un messaggio civico. La richiesta è che venga dato un giusto riconoscimento, dato che i soldi della lotta all’evasione tariffaria arrivano in azienda grazie ai lavoratori. Infine, Fit-Cisl ha proposto che venga portata in Trentino Trasporti la gestione dei parcheggi, almeno per Trento e Rovereto, che permetterebbe un miglior efficientamento contrattuale e di collocare il personale non idoneo e altre figure per le quali vengono meno i requisiti per la guida. Massimo Fasanelli e Nerio Giovanazzi hanno definito con convinzione “giusto e dovuto” trovare una formula per riconoscere questa nuova mansione aggiuntiva, più che altro per una questione di sicurezza, una sorta di “indennità di rischio”. Chi utilizza un mezzo pubblico è giusto che paghi, ha detto Giovanazzi: sono assolutamente favorevole a che ci sia un riconoscimento di mansioni che svolgono una funzione utile a tutti i cittadini, ma che comporta anche un certo rischio. Lorenzo Ossanna si è allineato alla posizione dei colleghi. Mazzurana ha richiamato l’attenzione sui termini e non ha condiviso la formula dell’indennità di rischio: non c’è nulla che paghi prendersi un pugno in faccia, ha detto. Inoltre, ha richiamato la norma che prevede che le organizzazioni sindacali facessero parte dei cda aziendali: una norma che non è mai stata applicata e che in questo caso avrebbe permesso di risolvere le questioni a monte. Il dirigente Roberto Andreatta ha chiarito le norme e le dinamiche che hanno caratterizzato il referendum e la gara di affidamento del servizio diretto in house. Rispetto alla sicurezza, ha spiegato, primi in Italia insieme a Perugia, abbiamo introdotto il controllo e la bigliettazione a cura dell’agente di guida. Va detto che gli agenti del servizio urbano sono 295, mentre quelli del servizio extraurbano sono circa 500 e che questi ultimi da sempre emettono il biglietto a bordo. Chiaro che le dinamiche sono per certi versi corrette, ma le forme di redistribuzione dovrebbero essere pensate ragionando sull’intero comparto, ovvero considerando tutti i lavori aziendali che concorrono al miglior risultato aziendale, con la differenza che da un anno a questa parte per il servizio urbano si sono attivate per il servizio urbano forme di tutela del lavoratore (salita dalla porta anteriore, blindatura con protezione in plexiglas e telecamere). Moscon ha ringraziato i consiglieri per aver approvato all’unanimità nell’ultima seduta di consiglio provinciale la mozione di Rodolfo Borga che prevede assistenza legale gratuita ai dipendenti vittima di insulti, minacce ed aggressioni e che l’azienda si costituisca parte civile nei procedimenti penali promossi contro i responsabili di atti di violenza, fisica o verbale, commessi in danno di suoi dipendenti. Mario Forni ha chiesto lumi sul trasferimento da via Marconi a via Innsbruck: appare incomprensibile perché per una scelta urbanistica i maggiori costi siano stati associati alla produttività degli autisti. In seconda battuta ha notato il rallentamento del servizio dovuto alla nuova mansione di bigliettazione a bordo. Mediamente questo non è successo, ha replicato il dirigente Andreatta su quest’ultimo punto, a fronte tra l’altro del rilevante valore aggiunto prodotto. La scelta del trasferimento invece, ha chiarito, è legata al metano e alle pompe che sono collocate in via Innsbruck (con risparmio di 400.000 euro all’anno, senza contare in non trascurabili vantaggi ambientali). Il Presidente Mario Tonina ha ringraziato Fit-Cisl per essere venuti ad illustrare il proprio punto di vista in Commissione. Gli atti politici portati in Consiglio hanno trovato un’ampia condivisione su problematiche come queste per una grande vicinanza su questi temi sui quali la politica deve riporre massima attenzione. Ci confronteremo con l’assessore competente per cercare di dare risposte e trovare soluzioni a quanto da voi rappresentato, ha concluso Tonina.

Monica Casata

Un pensiero su “Incontro con Fit-Cisl sul trasporto pubblico: riconoscimento della nuova mansione di bigliettazione a bordo e gestione dei parcheggi a Trentino Trasporti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...