Lavoro,non altre riforme ma politiche mirate


Schermata 2017-09-19 alle 12.41.51.png

Schermata 2017-03-22 alle 13.39.04

Nei giorni scorsi è ripreso il confronto tra il ministro Poletti e i segretari generali di Cgil Cisl Uil

                                            Dibattito aperto                                                                                    in vista della legge                                                                                   di Stabilità.                                                                                       Petteni (Cisl):                                                                      decontribuzione                                                                                  totale                                                                                                          per assumere                                                                                 giovani                                                                                                    in quelle                                                                                     professioni e                                                                                  mestieri                                                                                                   che sono                                                                                                      di difficile                                                                              reperimento

Politiche mirate per colmare alcuni ritardi ed inefficienze del mercato del lavoro italiano. Questa la priorità, questo il tema che sarà affrontato oggi alla ripresa del confronto al ministero del Lavoro tra Governo e sindacati, presenti Poletti ed i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil. Nei giorni scorsi, intervenendo a Cernobbio, il premier Gentiloni ha giustamente osservato che al nostro paese non servono nuove riforme del lavoro, neanche con un nuovo governo come fra pochi mesi avremo. Servono appunto politiche mirate. E in questo senso importanti le misure che saranno adottate nella prossima legge di Stabilità. Confindustria ad esempio chiede intanto che ”non si smontino le cose positive che sono state realizzate e che hanno permesso un innalzamento dell’export, del Pil e dell’occupazione” Serve poi ” aprire agli investimenti pubblici e privati e costruire un percorso e avviarci a un piano di legislatura e confrontarci con tutti i partiti del Paese”. I sindacati arrivano all’ap – puntamento di oggi nella comune consapevolezza che la legge di Stabilità dovrà offrire delle risposte concrete. La Cisl, spiega il segretario confederale Gigi Petteni, ”indi – ca alcune priorità, convinta che in questo imminente autunno sindacale si possano trovare convergenze utili sia tra le parti sociali sia con le azioni di governo”. E allora: ”Cominciamo a rafforzare la ricollocazione dei lavoratori in esubero o licenziati, mandando a regime la messa a disposizione per tutti i percettori di Naspi dell’assegno di ricollocazione. Dobbiamo moltiplicare i casi di crisi aziendali nei quali si negozia, con un coinvolgimento attivo dell’impresa. Stringiamo il confronto con Anpal e Ministero e riusciremo a cambiare il clima tra imprese e lavoratori con soluzioni utili e costruttive. La principale medicina che può curare la disoccupazione giovanile è una maggiore sinergia tra scuola e lavoro, il potenziamento dell’apprendistato duale e dell’alternanza”. Nel frattempo la Cisl non è contraria ad una nuova decontribuzione per stabili assunzioni di giovanicomeproposto dal governo se questa non mortifica di nuovo l’apprendistato. Anzi propone una decontribuzione totale per assumere giovani in quelle professioni e mestieri che oggi sono di difficile reperimento nel mercato del lavoro. ”Se è vero che 1 assunzione su 5 non viene fatta per mancanza di competenze la soluzione è incentivare le imprese a costruire lecompetenze e quindi varare un contratto di apprendistato a zero contributi per chi assume un giovane da formare con un importante e sostenuto programma di formazione”. Restano infine in temadi lavoro ”differenze territoriali e particolari che richiedono ulteriori interventi. Pensiamo al sud (per il quale serve un piano qui sì di carattere generale di sostegno) ed ai lavori poveri a basso salario o a basso orario di lavoro (come ad esempio il crescente problema dei part time involontari) per i quali vanno messe in campopolitiche di compensazione e di sostegno adeguate e mirate”.

Giampiero Guadagn

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...