Alitalia,lo”spezzatino”di Ryanair non va giù a governo e sindacati


Senza titolo

Schermata 2017-03-22 alle 13.39.04

Verso la vendita. Il ceo OLearyvuole solo 90 aerei. Un mese per le offerte vincolanti

 

Applausi per Dario Franceschini, fischi per Micheal OLeary. Quando si tratta di Alitalia non ci sono mezze misure, così la Fit Cisl prende una posizione netta sulle sorti della compagnia che a breve dovrebbe uscire dal purgatorio dell’amministra – zione straordinaria, sempre che si trovi un compratore con le carte in regola. Tra gli aspiranti sgomita Ryanair, la low cost irlandese al cui vertice siede per l’appunto il pirotecnico OLeary. Il quale vorrebbe fare dell’ex compagnia di bandiera uno spezzatino del quale riservarsi il boccone più gustoso, la flotta a lungo raggio, dunque la sola parte aviation e nemmeno tutta, solo 90 aerei, perché oltre questo limite incombe l’Antitrust europeo, pronto a bloccare un’operazione che assicurerebbe a Ryanair una posizione dominante sul mercato italiano (sopra il 50%). Ecco quindi spiegati i fischi del sindacato. OLeary ha offerto qualche rassicurazione sul personale, che verrebbe assorbito ”in gran parte”, ma non ha nascosto l’esigenza di un robusto pieno di ristrutturazione, che oltre alla rinegoziazione dei leasing sugli aereinon potrebbe escludere esuberi e modifiche ai contratti di lavoro. L’ipotesi non piace affatto al governo, che a stretto giro ha risposto proprio con il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini: ”Lo spezzatino di Alitalia sarebbe un errore gravissimo” dal momento che ”Alitalia, al di là della proprietà, è comunque il primo pezzo d’Ita – lia che accoglie i visitatori in arrivo da ogni parte del mondo”. Infatti ”gli aerei sono il primo luogo dove iniziare ad apprezzare il cibo, il cinema, l’arte, la bellezza e lo stile italiano”, ha detto Franceschini. Ed ecco spiegato gli applausi. Perché anche per la Fit ”è impensabile che l’Italia, che ha il più grande patrimonio artistico del mondo, non abbia un vettore nazionale che porti i turisti”, osserva il segretario generale Antonio Piras. Se la soluzione della ”disgregazione” dovesse prevalere ”siamo pronti a scendere in trincea a difesa degli interessi dei lavoratori, dei viaggiatori e dell’economia nazionale. Siamo stati sempre contrari all’ipo – tesi dello spacchettamento di Alitalia e lo siamo tuttora, anche per questo abbiamo tentato fino all’ultimo, passando anche per la consultazione dei lavoratori tramite referendum, di mantenerla in piedi nella sua interezza con le difficoltà che oramai tutti conoscono. Per quanto riguarda la tempistica della procedura di vendita, tutte le manifestazioni d’interesse per Alitalia dovranno essere presentate entro il 15 settembre e le offerte vincolanti entro il 2 ottobre. È prevista poi anche una eventuale fase successiva di negoziazione per migliorare le offerte vincolanti presentate e che ha come scadenza il 5 novembre. Il nome del nuovo proprietario di Alitalia dovrebbe essere quindi annunciato nella settimana dal 6 al 12 novembre. C.D’O.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...