Legge sulla Concorrenza n. 124/2017 – norme sulla previdenza complementare


Schermata 2017-03-30 alle 22.09.02

Roma, 31 agosto 2017

 

Cari amici,

      il 29 agosto è entrata in vigore, dopo un lunghissimo iter parlamentare, la Legge annuale per il mercato e la concorrenza n. 124/2017 (pubblicata in G.U. n. 189/2017) che prevede una serie di importanti disposizioni in materia di apertura dei mercati, sviluppo della concorrenza e tutela dei consumatori.

       Tra queste spiccano, all’articolo 1 commi 38 e 39, disposizioni finalizzate allo sviluppo della previdenza complementare che modificano alcune previsioni del decreto legislativo 252/2005 assegnando, tra l’altro, un maggiore ruolo alla contrattazione collettiva con misure che, si auspica, possano incentivare le adesioni.

       Di conseguenza, gli accordi collettivi potranno d’ora in avanti stabilire la percentuale minima di TFR maturando da destinare alla previdenza complementare.

        In caso di assenza di indicazioni contrattuali il conferimento del TFR sarà comunque totale. Altre disposizioni riguardano la possibilità, in caso di inoccupazione per oltre 24 mesi, di chiedere la rendita complementare, su tutta o parte della posizione, in anticipo di 5 anni rispetto ai requisiti ordinari del regime obbligatorio, oppure chiedere la rendita temporanea (RITA) fino al raggiungimento dei requisiti ordinari.

       Gli statuti e i regolamenti delle forme di previdenza complementare possono ampliare tale periodo fino a 10 anni.

      Pertanto, il riscatto totale della posizione per invalidità o inoccupazione per oltre 48 mesi non potrà essere esercitato nei cinque anni precedenti i requisiti ordinari o il maggior periodo stabilito da statuti o regolamenti.

       In caso di cessazione dei requisiti di partecipazione per cause diverse dai casi previsti dall’art. 14 commi 2 e 3 del d.lgs. 252/2005 sarà possibile il riscatto della posizione sia per le forme collettive che per le individuali e si applicherà l’imposta del 23%.

       Inoltre, la legge prevede che, per aumentare l’efficienza delle forme pensionistiche complementari, entro 30 giorni dalla entrata in vigore della legge, il Ministro del lavoro, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico e del Ministro dell’Economia convochi un tavolo di consultazione con la partecipazione delle OO.SS. e le rappresentanze dei datori di lavoro maggiormente rappresentative, la COVIP ed esperti di previdenza per avviare un processo di riforma secondo le seguenti linee guida: revisione dei requisiti per l’esercizio dell’attività dei fondi pensione; fissazione soglie patrimoniali di rilevanza minima in relazione ai patrimoni gestiti, settori interessati, natura delle imprese, categorie dei lavoratori e regimi gestionali; individuazione delle procedure di aggregazione; accrescimento dell’educazione finanziaria e previdenziale dei cittadini.

       Riteniamo queste norme interessanti e sostanzialmente coerenti con le nostre richieste anche recentemente ribadite al Ministero del lavoro di promuovere in modo più incisivo la previdenza complementare.

      Vi terremo ovviamente aggiornati.

Fraterni saluti.    Il Segretario confederale Maurizio Petriccioli

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...