La lungamarcia delle pari opportunità


Schermata 2017-03-22 alle 13.39.04

Schermata 2017-06-07 alle 14.36.01.png

Empowerment e mainstreaming delle donne, accesso alla salute, parità e pari opportunità di genere, sono concetti che stanno acquistando sempre più rilevanza nel dibattito generale a livello globale. Questo è un esercizio culturale fondamentale per continuare a portare avanti un processo che nel corso degli anni ha portato a risultati poco prima impensabili. Risultati che sicuramente si sarebbero potuti moltiplicare se quantità e qualità dialettiche prodotte avessero determinato effetti pratici di pari livello. Però di positivo c’è che si è raggiunto un livello tale di consapevolezza da ritenere un investimento ed un vantaggio per tutti l’implementazione di strategie politiche in questa direzione. Anche la recente riunione del G-7 a Taormina, che di certo non ha brillato per unanimità sulle diverse questioni in agenda – dal clima all’accoglienza dei migranti – su alcuni punti in particolare ha trovato il consenso di tutti i partecipanti, tra cui la lotta al terrorismo e la promozione dei diritti delle donne e delle ragazze. Ad esse sono rivolti soprattutto i paragrafi 18 e 38 del comunicato finale che parlano, rispettivamente, della uguaglianza di genere e della promozione della salute, in particolare di donne e adolescenti, come di alte priorità per l’intera comunità internazionale. Donne e ragazze sono per il G-7 potenti agenti di cambiamento; promuoverne l’empowerment ed eliminare il divario di genere non sono solo obiettivi importanti per le stesse ma anche per l’economia, un contributo fondamentale al progresso e allo sviluppo sostenibile. Donne e ragazze sono vittime ancora oggi di discriminazione, molestie, violenza, abusi e ogni altro tipo di violazione dei diritti umani. E sebbene oggi siano meglio formate rispetto al passato, vengono ancora collocate nei profili più bassi del mercato del lavoro, così come portano sulle loro spalle quasi l’intero fardello del lavoro di cura. Per questo il G-7 ha esortato a porre in essere provvedimenti significativi in tal senso e confermato il proprio impegno per la promozione del mainstreaming di genere, della partecipazione e il coinvolgimento femminile nell’economia e nella vita di tutti i giorni, attraverso un più adeguato accesso a credito, reti e mercati. Per la prima volta, inoltre, è stata adottata una specifica Road Map, approvata insieme al documento finale, per stabilire una tabella di marcia verso la parità di genere concordando un piano d’azione su innovazione, competenze e lavoro. Lo sviluppo sostenibile e il progresso, però, non possono prescindere dalla promozione della salute e della sicurezza, temi che riguardano moltissime donne e adolescenti, altrimenti sarebbero incompleti e inadeguati. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ogni anno circa 1,3 milioni di adolescenti nel mondo perdono la vita per cause evitabili. Circa sedici milioni di ragazze tra i quindici e i diciannove anni e circa un milione di bambine sotto i quindici anni diventano madri, con complicanze durante la gravidanza e il parto che rappresentano la seconda causa di morte al mondo. Ogni anno tre milioni di ragazze sotto i vent’anni hanno un aborto, e i bambini nati da mamme adolescenti fronteggiano un rischio di morte molto più elevato rispetto alle altre. Servono ancora passi enormi in avanti, dunque, su questioni che per la prima volta entrano a pieno titolo nell’agenda dei sette paesi più industrializzati del mondo, solitamente inclini a discussioni più di matrice economica che sociale. Come donne, guardiamo ovviamente a questi impegni e dichiarazioni d’intenti senza troppe illusioni, ma non possiamo nascondere la soddisfazione di un altro cambio di passo epocale che ci fa guardare al futuro come al “bicchiere mezzo pieno”.

Liliana Ocmin

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...