La Coca Cola di Nogara chiude (perora) i battenti


Schermata 2017-04-20 alle 12.34.27.png

Schermata 2017-03-22 alle 13.39.04

Non si tratta solo di bollicine questa volta.

     ”L ogiche antisindacali e soprattutto una sorta di ricatto occupazionale che non può e non deve giocarsi sulla pelle dei lavoratori. Film già visto in altre occasioni utile perlopiù a creare rotture tra colleghi per la logica della sopravvivenza. Una volta erano i cosiddetti padroni delle ferriere, oggi i padroni delle bollicine”. E la denuncia è di Antonio Boccuzzi, deputato del Pd e componente della commissione Lavoro della Camera, riferendosi allo stabilimento della Coca Cola di Nogara in Veneto. “In una catena di appalti e subappalti – prosegue – si compone la catena della logistica. Una piramide dalla base della quale 14 lavoratori vengono estromessi. Tempi indeterminati licenziati e probabilmente sostituiti per la logica che la bevanda gasata si beve maggiormente d’estate e si sa, il caldo sta arrivando.

      La prima procedura con cui è partito il licenziamento dei 14 lavoratori è stata seguita da una seconda con cui si è aperto il licenziamento di altri 29 colleghi e l’apertura di una procedura di cassa integrazione per i 450 addetti legata sostanzialmente al fermo impianti dovuto alla mobilitazione”. C’è un fatto. Dopo averlo annunciato più volte la settimana scorsa, lo stabilimento della Coca Cola di Nogara chiuderà i battenti. Provvisoriamente, s’in – tende.

      L’azienda che ha ricordato di non aver fatto un minuto di cassa integrazione in decenni, ferma la produzione “per motivi di sicurezza, ricorrendo proprio alla Cig”. Le macchine, che non si fermano mai nel corso dell’anno, sono state ”stoppate” a partire dalle 22. di martedì. Una scelta fatta “a fronte della difficile situazione che sta perdurando in relazione alle proteste in corso”, spiega una nota. Si riferisce al presidio messo in atto nell’ultimo mese da parte di Adl Cobas per contestare l’esubero (con promessa di reintegro) di quattordici addetti alla logistica. La decisione è stata presa alla vigilia dell’annunciata manifestazione dei Cobas, alla quale sono stati invitati gli iscritti del Veneto. “È chiaro che più gente viene qua, più tensione si può creare – commenta Emiliano Maria Cappuccitti, direttore Risorse Umane di Coca Cola Italia, da una settimana “di stanza” a Nogara – Ci auguriamo solo che la situazione si risolva il più rapidamente possibile, così che le parti (oltre l’Adl, il consorzio Vega Servizi, che gestisce la parte logistica a Nogara, ndr) possano negoziare. Abbiamo tutto l’in – teresse a non chiudere ma qua c’è un’oggettiva situazione di pericolo. Non stiamo tranquilli con le persone sul tetto.

      Abbiamo garantito a tutti il cento per cento dello stipendio: l’azienda aggiunge il venti all’ottanta assicurato dalla Cig. Siamo certi che tutti i dipendenti di Nogara sono con noi”. Tutti si chiedono quanto durerà la chiusura. “Ri – apriremo non appena ci saranno le condizioni “, è questa la situazione. Anche Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil hanno rilevato di ritenere “non più rinviabile una precisa presa di posizione delle istituzioni per quanto riguarda le libertà e la sicurezza delle persone, relativamente alla vertenza che vede impegnati i lavoratori dipendenti della cooperativa operanti presso il magazzino di logistica dello stabilimento Hbc Coca Cola Italia di Nogara, dove da giorni avvengono presidi ai cancelli e sul tetto dei capannoni dello stabilimento”.

      I sindacati confederali ricordano che “la vertenza iniziata nel corso di un cambio di appalto, nella quale era prevista una discussione sugli organici, le organizzazioni sindacali, hanno trovato una intesa che non prevede alcun licenziamento, oltre a salvaguardare le retribuzioni e con l’impegno della cooperativa a ricollocare i lavoratori eventualmente in esubero”.

R.R.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...