Relazione sull’incontro di noi amici del tpl

Da: Noi Amici del Trasporto pubblico Trentino [mailto:amicitpltrentino@gmail.com]
Inviato: domenica 1 novembre 2015 13.40
A: Franco Tessadri; Ezio Viglietti; Paolo Vergnano; Forni Mario; Elisabetta Travaglia; arianna tosi; alex Marini; Andrea Pugliese
Oggetto: sintesti riunione comitato ddl mobilità del 27/10

Ecco quanto ci siamo detti relativamente alla “mediazione con l’assessorato” e che verranno portate alla prossima riunione (che non è stata ancora fissata)

1) OBIETTIVI
ok quelli concordati…. però
si chiede di inserire un articolo che indichi le modalità e i tempi di misurazione degli obiettivi

2) PARTECIPAZIONE
la mediazione con il gruppo tecnico è stata abbastanza soddisfacente.
Si attende di vedere il testo rivisto, per verificare che sia coerente
con quanto detto nella riunione
(ad esempio rimane da capire dove viene inserita la partecipazione in
caso di variazione dei servizi di TPL)

Si propone però di inserire di nuovo il Dibattito Pubblico come
strumento di partecipazione nella fase decisionale sulle singole opere
(al contrario di quanto si era detto prima)

3) OSSERVATORIO
si propone di accettare la proposta di composizione fatta da loro, ma si
chiede che la presidenza sia data ad uno dei cittadini sorteggiati

4) FINANZIAMENTI
Si ribadirà che una legge che si pone obiettivi senza dire quante
risorse investe per raggiungerli non ha senso.
Devono quindi indicareche tipo di investimenti vogliono fare.
Cosa propongono?
Noi rimaniamo con la nostra proposta del 5% del bilancio e non meno di
200 milioni

3) GRATUITA’
Pur avendo apprezzato che le comma 6 dell’articolo relativo si sia
accettaa l’idea che la tariffazione sia uno strumento di incentivo della
mobilità pubblica, le proposte di incentivo lì indicate sono troppo
scarne e vaghe.
La mediazione che proponiamo è quella di passare dal ticketless ald una
card di libera circolazione obbligatoria per tutti i residenti
(di fatto una tassa di scopo per finanziare il TPL) da quantificare
secondo l’ICEF. Può essere personale o familiare.

4) NOTA- va reso esplicito il divieto di finanziamento alla mobilità
privata (anche se elettrica)

Spero di aver sintetizzato in modo corretto…

un saluto,

Nuovo comunicato stampa sulla sicurezza

“Di nuovo guardie giurate sui treni “critici” di Trento-Malé e Trento-Bassano”
Lo chiedono Filt Cgil Fit Cisl e Faisa che intanto registrano la condivisione di Trentino Trasporti sull’avvio di un tavolo tecnico per la sicurezza con forze dell’ordine e istituzioni

“Se serve si torni a prevedere la presenza di una guardia giurata sui treni della Trento Malè e della Trento Bassano, nelle ore serali”. Filt Cgil, Faisa e Fit Cisl non nascondono la loro preoccupazione per la nuova aggressione, la seconda nel giro di pochi giorni, subita da un controllore su un treno diretto a Mollaro. Al controllore va la piena solidarietà dei tre sindacati.

“Questa soluzione era stata sperimentata già qualche anno fa per un periodo di tempo limitato – dicono i tre segretari Stefano Montani, Michele Givoli e Massimo Mazzurana – e aveva funzionato. È ovvio che venuto meno il controllo nel tempo la situazione è tornata quella di prima”.

Per questa ragione Filt Cgil, Faisa e Fit Cisl insistono sulla necessità di non trovare soluzioni spot, ma di individuare misure condivise con Trentino Trasporti, le forze dell’ordine, il commissario del Governo e le istituzioni. “Sulla nostra proposta di attivare subito un tavolo tecnico abbiamo avuto la condivisione della presidente Baggia, che ci ha assicurato che oggi stesso porterà questa sollecitazione all’assessore provinciale ai Trasporti, Mauro Gilmozzi. Auspichiamo dunque di poter fissare il primo incontro nel più breve tempo possibile”.